Versione italianaEnglish versionVersion françaiseDeutsche version

Torna all'home pageLe info sulla nostre camereA proposito del Pellegrino...Scopri dove siamoTutte le ultime novità e i nostri eventiGuarda le nostre gallerie fotograficheContattaci senza impegnoVi suggeriamo questi link
 
Guglielmo Marconi
Visualizza questa immagineGuglielmo Marconi fu spesso accusato di non avere pieno merito delle proprie scoperte. Egli spesso rispondeva con la sua consueta eleganza: "Avvalendomi delle conoscenze già acquisite ed elaborando le teorie già note, io non ho fatto altro che seguire la strada di Watt, Edison, Stephenson e di altri illustri inventori. Dubito molto che ci sia stato un caso d'invenzione utile nel quale tutte le teorie, tutte le applicazioni pratiche, e tutte le apparecchiature siano state opera di un solo uomo".
La più sorprendente scoperta del grande scienziato è naturalmente quella della radio, anche se ha dato notevoli contributi allo sviluppo dell'apparecchiatura radar. Marconi nacque nel 1874 nelle vicinanze di Bologna e fin da ragazzo ebbe una profonda passione per la Fisica e le sue applicazioni; nella tenuta paterna di Pontecchio eseguì i primi esperimenti ottenendo importanti risultati nella telegrafia senza fili. Il padre, intuendo le potenzialità di Guglielmo, sostenne finanziariamente i suoi esperimenti e nel 1896 in Inghilterra ottenne il primo brevetto. Da lì a pochi anni, l'apparecchio radio di Marconi permise il salvataggio di molte vite durante l'affondanmento della Republic e del Titanic e di fatto avendo ragione sulla trasmissione via cavo.
Dopo la prima guerra mondiale, Marconi decise di acquistare lo yacht Elettra sul quale vivrà con la moglia Cristina e la figlia Elettra e dove eseguirà molti esperimenti che da lì a poco avranno grande impiego in medicina. Nel Golfo tra Sestri Levante e Portofino perfezionò la radiotelegrafia, la realizzazione dei radiofari e del radar.
Nel Marzo del 1930, dal porto di Genova lo scienziato accese le luci del municipio di Sydney e nel 1933 dalla terrazza del Miramare di Santa Margherita lanciò il primo segnale a onde corte su lunga distanza; una piccola stazione di ricezione a 600 MHz fu installata qui a Montallegro, sulla ollina chiamata Monte Rosa.
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 
Visualizza questa immagine
 




Gallery 3
Sito ideato e sviluppato da Stefano Riggio di C.I.R.R.              Sito aggiornato al 27/06/2017